Altea Zolfo è un prodotto studiato per curare le carenza di zolfo, elemento indispensabile per la sintesi proteica delle piante e come prevenzione e lotta all’oidio (mal bianco).

Informazioni per l’impiego dello zolfo in agricoltura:
Impiego come correttivo: la funzione dello zolfo come correttivo è quella di abbassare il pH del terreno, agevolando così l’attività dei microrganismi, il processo di fotosintesi clorofilliana e l’assorbimento degli altri fertilizzanti. Combatte le clorosi perché libera tutti i microelementi bloccati nel terreno. È indicato in tutte le colture in qualsiasi periodo dell’anno, dato che lo zolfo agisce sul terreno creando le condizioni ottimali per tutte le fasi vegetative.
Impiego come fungicida: lo zolfo viene impiegato in particolar modo nella prevenzione e lotta all’oidio (anche comunemente detto mal bianco) con una buona attività preventiva e anche eradicante. L’azione fungicida inizia sui 10-12 °C e aumenta progressivamente sino ai 40 °C. Alle basse temperature gli zolfi sono invece poco attivi. A temperature elevate tutti gli zolfi diventano fitotossici.

Composizione:
Correttivo – Sospensione di Zolfo in acqua
Zolfo (S) totale 51%

Consentito in Agricoltura Biologica

Dosi e modalità di impiego:
Ortaggi: 150-200 g/100 litri d’acqua;
Pomacee: 50-80 g/100 litri d’acqua;
Piante ornamentali: 100-150 g/100 litri d’acqua;
Piante da frutto (olivo e vite): 200-400 g/100 litri d’acqua.